Sei in: Home

PROTOCOLLO ALLENAMENTI: DALL'8 GIUGNO OK A UTILIZZO DEL PALLONE

La Commissione tecnica federale FIR, sentito il parere favorevole della Commissione medica, ha approvato una modifica al Protocollo per la ripresa dell’attività del rugby di base, pubblicato domenica 24 maggio u.s. 
A PARTIRE DA LUNEDÌ 8 GIUGNO 2020 SARÀ POSSIBILE EFFETTUARE ESERCITAZIONI CHE PREVEDONO IL PASSAGGIO DEL PALLONE PREVIAMENTE DISINFETTATO.
 
La disinfezione del pallone dovrà essere effettuata al termine di ogni esercitazione e/o azione di gioco con prodotti idonei. Secondo quanto emanato dall'Ufficio Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, per gli sport di squadra "la pulizia potrà essere operata con panni puliti in microfibra inumiditi con acqua e sapone, ipoclorito di sodio 0,1%, oppure con alcool etilico al 70-75% con successiva asciugatura"A tal fine è raccomandato l’uso di contenitori che contengano da una parte i palloni disinfettati pronti ad essere utilizzati e dall'altra i palloni utilizzati, da disinfettare. È raccomandata, inoltre, pulizia e disinfezione delle mani con soluzioni certificate, al termine di ogni esercitazione/azione di gioco.
 
Per tutto quanto non espressamente indicato, restano in vigore le disposizioni contenute all'interno del protocollo FIR per la ripresa degli allenamenti in sicurezza. Una versione modificata del Protocollo sarà disponibile entro domenica 7 giugno su federugby.it e sul portale covid-19.federugby.it.

PROTOCOLLO FIR PER LA RIPRESA DEGLI ALLENAMENTI

La Federazione Italiana Rugby informa che è online (su federugby.it e sul portale dedicato covid-19.federugby.it) il Protocollo per la ripresa dell’attività del rugby di base, sviluppato dalla Commissione tecnica e dalla Commissione medica federale.

Il documento è stato sviluppato in coerenza con le linee guida pubblicate il 20 maggio dall’ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri e con analogo documento sviluppato da World Rugby, la Federazione internazionale. Il protocollo si rivolge a tutte le società affiliate FIR che svolgono attività nazionale e di riflesso a tutti i praticanti, con l’intento di consentire una graduale ripresa delle attività sportive nel rispetto delle vigenti misure atte a garantire il contenimento della diffusione del virus Sars-Cov-2, responsabile dell'epidemia da Covid-19.

Misure e precauzioni da adottare da parte delle società, indicazioni circa il personale a cui è garantito l’accesso agli impianti sportivi - laddove non limitato da disposizioni degli enti locali - norme di comportamento e buone pratiche d’igiene da parte di atleti, componenti dello staff tecnico e di supporto vanno di concerto con indicazioni chiare su come svolgere gli allenamenti e quale attrezzatura sportiva utilizzare o meno.
Nel primo periodo di ripresa dell’attività, l’utilizzo del pallone sarà consentito solo in forma individuale, per lo svolgimento di esercizi di skills e previa sanificazione dello stesso. Non sarà possibile - come specificato appunto nel protocollo FIR - passare il pallone o svolgere esercizi che comportino l’uso di materiale mobile, quali sacchi da placcaggio, scudi, macchine da mischia.
Ultimo aggiornamento Lunedì 25 Maggio 2020 08:54 Leggi tutto...

Corso aggiornamento online per preparatori fisici e tecnici, 28 maggio 2020

Giovedì prossimo 28 maggio, alle ore 18:30, sulla piattaforma digitale Zoom si terrà un corso d'aggiornamento per preparatori fisici e tecnici interessati. L'argomento trattato sarà "sovraccarichi in età giovanile"  e verrà condotto dal preparatore fisico del Centro di Formazione Permanente di Roma, Filippo Gargaglia, insieme al preparatore fisico del Comitato Regionale Sicila FIR, Roberto Cafaro.


Per partecipare è possibile contattare il responsabile dei tecnici regionale, Tito Cicciò (whatsapp 3479124335), per riceverete il link di partecipazione.

Newsletter fine maggio - agevolazioni e incentivi a favore dello Sport

La Newsletter di fine maggio 2020, che raccoglie agevolazioni e incentivi a favore dello Sport. In virtù della convenzione che FIR ha sottoscritto con "Per Formare" SRL impresa sociale, agenzia formativa e del lavoro, al fine di offrire ai club l’opportunità di venire a conoscenza di avvisi pubblici e linee di finanziamento per poter sviluppare i loro progetti e le loro attività.
Allegati:
Scarica questo file (Newsletter fine maggio.pdf)Newsletter fine maggio.pdf205 Kb

Consiglio regionale FIR Sicilia: prima volta online

Per la prima volta in assoluto il Consiglio regionale del Comitato siciliano FIR si è svolto su una piattaforma digitale, con la partecipazione completa di consiglieri e staff dell'organo territorale. Sabato scorso, 9 maggio, infatti è stato il giorno dell'esordio del Consiglio online, eventualità mai avvenuta prima e resa necessaria per via dell'emergenza Covid-19.
Una riunione digitale - come accennato - molto partecipata, con all'ordine del giorno principalmente la fase relativa allo stop del rugby e all'emergenza in atto. Sono stati analizzati, in linea con le direttive federali, i possibili scenari futuri, considerando - purtroppo - che il gioco del rugby sarà una delle ultime discipline a riprendere a pieno regime l'attività, alla luce della sua attitudine a essere "sport di contatto".
 
Un passaggio molto approfondito e importante dello stesso Consiglio è stato l'aspetto puramente tecnico, analizzato a fondo grazie al contributo di tutto lo staff tecnico guidato dal responsabile regionale, Tito Cicciò. Si è discusso, inoltre, dell'impatto critico che l'emergenza sanitaria ha e avrà sull'impiantistica sportiva: la speranza contreca è che quanto prima possano riprendere i lavori necessari  di miglioramenti strutturali.
 
L'ultimo punto cardine all'ordine del giorno è stato focalizzato sui sostegni economici da parte della Federazione Italiana Rugby e, inoltre, previsti dalla Regione Siciliana.
Il prossimo appuntamento con il Consiglio regionale FIR Sicilia è previsto per il prossimo 23 maggio.

NOTA FIR SU CIRCOLARE DEL MINISTERO DELL'INTERNO

La FIR, in relazione al DPCM  del 26.4.20 contenente le misure governative dirette a disciplinare la cosiddetta “Fase 2” della gestione della pandemia da COVID-19, al quale ha fatto seguito una circolare ministeriale esplicativa in data 3 maggio 2020, premettendo che tutte le competizioni nazionali della corrente stagione sportiva sono sospese, intende precisare alle proprie Società quanto segue: 

- L’ articolo 1 lettera G del citato decreto consente lo svolgimento di allenamenti a porte chiuse di atleti - professionisti e non - di interesse nazionale delle discipline individuali, in vista dei Giochi olimpici o altre manifestazioni nazionali o internazionali, nel rispetto delle norme di distanziamento e divieto di assembramento;

- La circolare ministeriale esplicativa aggiunge, sulla base di un’interpretazione sistematica delle varie disposizioni, che, “come ogni altro cittadino”, anche gli atleti - professionisti e non - di discipline di squadra  possono svolgere attività sportiva individuale , in aree pubbliche e private, nel rispetto del distanziamento sociale e del divieto d’assembramento;

- Ciò premesso si deve quindi affermare che, allo stato attuale, sia stata soltanto confermata la facoltà agli atleti di discipline non individuali, quali il rugby, di svolgere un’attività sportiva a livello individuale, secondo le prescrizioni sopra indicate;

- Diverso aspetto, non toccato dal DPCM del 26 aprile u.s., che si auspica possa essere disciplinato in conseguenza delle misure che saranno adottate dal 18 maggio 2020, è quello invece delle prescrizioni a carico delle società sportive organizzatrici dell’attività, per poter aprire le proprie strutture alla frequentazione dei propri tesserati;

- Pertanto, in assenza di ulteriori disposizioni si deve concludere che le società non possano allo stato autorizzare sessioni di allenamento nelle loro strutture.

Pagina 3 di 167

Calendario

<< Novembre 2020 >> 
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

Contatti